Aprire un agriturismo, requisiti e regime fiscale

Per aprire e gestire un agriturismo occorre fare riferimento alla normativa vigente (n. 96 del 20 febbraio 2006), tuttavia le singole Regioni hanno facoltà di intervenire per regolarne numerosi aspetti o definire ulteriori requisiti. Vediamo in linea generale il regime fiscale e le attività che è possibile esercitare.

Requisiti

Chi svolge l’attività agrituristica deve essere un imprenditore agricolo (articolo 2135 del Codice Civile) e utilizzare la propria azienda in rapporto di connessione con la coltivazione del fondo, silvicoltura o allevamento di animali. Può:

  • dare ospitalità in alloggi o spazi aperti destinati alla sosta di campeggiatori;
  • somministrare pasti e bevande costituiti prevalentemente da prodotti propri e di aziende agricole della zona, ivi compresi a carattere alcoolico e superalcoolico, con preferenza per i prodotti tipici e caratterizzati dai marchi DOP, IGP, IGT, DOC e DOCG o compresi nell’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali;
  • organizzare degustazioni di prodotti aziendali, ivi inclusa la mescita di vini;
  • organizzare, anche all’esterno dei beni fondiari nella disponibilità dell’impresa, attivitàricreative, culturali, didattiche, sportive, escursionistiche e di ippoturismo, anche tramite convenzioni con enti locali per valorizzare territorio e patrimonio rurale.

Come aprire un agriturismo

L’attività può essere svolta in forma di impresa individuale o societaria, in cui almeno uno dei soci deve avere la qualifica di imprenditore agricolo. Per aprire un agriturismo è necessario aprire Partita IVA compilando il modello AA9/12 (impresa individuale) o AA7/10 (contribuenti diversi dalle persone fisiche). Il codice attività da usare è 55.20.52. Nel caso si preveda un volume d’affari annuo superiore a 7mila euro è obbligatoria l’iscrizione alla Camera di Commercio. Entro 30 giorni dall’inizio dell’attività è necessario anche presentare la SCIA al comune di competenza.

Regime fiscale

La disciplina fiscale applicabile all’attività agrituristica non è quella per le attività agricole (art. 32, comma 2 del Tuir) visto che l’agriturismo produce reddito di impresa. Il legislatore ha introdotto un regime fiscale ad hoc (articolo 5, commi 1 e 2, della Legge n. 413/1991) che prevede:

  • imposte dirette: determinazione forfettaria del reddito, applicando ai ricavi il coefficiente del 25%;
  • IVA: riduzione del 50% per operazioni imponibili (è necessario l’applicazione separata dell’IVA per l’attività agricola e quella agrituristica).

Il contribuente può rinunciare al regime forfettario optando per quello ordinario.

Obblighi

Chi svolge attività agrituristica deve effettuare:

  • Comunicazione annuale dati IVA e Dichiarazione IVA;
  • Modello 770 (per ritenute durante il periodo d’imposta);
  • Modello Unico;
  • Modello IRAP.

Fonte: PMI.it

Se vuoi maggiori informazioni contattaci su carloalberto.nebuloni@extrasrl.com.

Related posts